Image Image Image Image Image

© Copyright 2012 Lorenzo Barbieri | RSS | Email

Â

Scroll to Top

To Top

28

ott
2013

No Comments

In Books

By Lorenzo

I Topi.

On 28, ott 2013 | No Comments | In Books | By Lorenzo

La conversazione che segue è tratta da una telefonata telefonata tra la signora Giuditta e Gianluca Nicoletti. Giuditta parla in terza persona, di un’amica dice lei, e ci aggrappiamo alle sue brevissime esitazioni per capire quanto la voce sia nel vero, mentre gli immondi fatti che narra vanno a comporre un racconto di Dino Buzzati che mai avrei immaginato fuor di metafora.

Play

«Buongiorno, quello che volevo raccontare è successo a una mia amica. Lei viveva in una montagna, era sempre molto sola, molto, e stava benissimo, e poi, una volta, un contadino ha ucciso un topo»

«Oh poverino»

«… che aveva trovato vicino a casa no? Ma un topo di quelli anche un po’ più grossini, non di quelli carini»

«Ah la tipica sorcona ecco»

«Non proprio! Ma insomma .. a un certo punto questa mia amica ha trovato la cucciolata»

«Di topi?»

Read more…

Tags | , , ,

Il candore della pirateria

On 18, ott 2013 | No Comments | In Blog - Editorial and publications | By Lorenzo

Xiaozhan è un ragazzo del 1979, viene da una città di mare ma non lo diresti – non ultimo perché in Cina il genere “tipo da spiaggia” non esiste, mercantili o niente si direbbe, la maggioranza che si nota insomma – e vive in 7 metri quadrati secchi di introversione insieme al cagnetto Yao Yao.
Non ricordo come l’ho conosciuto, so che sono passati diversi anni e faceva freddo. Camminavo sulle sponde dei questo lago ghiacciato a nord-ovest della Città Proibita, mi sono infilato in qualche stretto hutong e a fianco dell’insegna “hutong Pizza” [come dire: la pizza del carrugio, o della calle] che non può passare inosservata c’era questa porta ricoperta di adesivi e grafiche di ogni epoca, tema musicale od onirico, illuminate in trasparenza da tungsteno caldo. Mi sono ritrovato a sfogliare pile di cd sul pavimento, insieme al cane Yao Yao, mentre Xiaozhan se ne stava seduto su un micro-divano a inchiostrare astucci di cartone.
Read more…

Tags | , , , , ,

10

ott
2013

No Comments

In Personal

By Lorenzo

Buonismi

On 10, ott 2013 | No Comments | In Personal | By Lorenzo

Oggi è una bella giornata di cielo blu spazzato dal vento, e non avrei potuto ricevere un ritaglio più divertente.

E’ una lettera di protesta inviata al direttore di un giornale locale cercando aiuto e attenzione per catturare un “cane di grossa taglia, forse un pastore maremmano […] libero come l’aria”, salvando il proprio vicinato da quella che par di intuire sia una minaccia. Mi diverte essere annoverato nella firma “tutti gli abitanti dell’alta collina”, perché la mia casa italiana si trova proprio lì, ed essere anch’io minacciato da questa bestia “libera come l’aria”, che cosa magnifica. In realtà gli abitanti di questa minuscola strada di campagna sono tenacemente divisi sulle opinioni e sulle sorti del povero cane: gli schieramenti sono due, chi lo teme, e chi lo ama. Read more…

Tags | , , , ,

05

set
2013

No Comments

In Books

By Lorenzo

Nozioni di astronomia sideronebulare

On 05, set 2013 | No Comments | In Books | By Lorenzo

«Restringiamoci», parvero dire i filosofi quando distinsero il sistema primario dal sistema universale «restringiamoci a considerare il creato quale lo concepiamo, non affrontiamo l’inconcepibile. L’universo è certo finito, ma, alle corte, il finito e l’infinito sono ugualmente inconcepibili, non parliamo dunque del finito, sibbene di un finito e basta così; come potrebbe infatti l’universo essere infinito? e se fosse infinito vi sarebbe al di là? Sappiamo bene che simili ragionamenti testimoniano d’una mentalità incorreggibilmente e arcaicamente geometrica, ma che cosa è, in nome di Dio, la mentalità matematica?» etc. etc. «E chissà», parvero rincalzare detti filosofi «il nostro Dio stesso potrebbe a sua volta, per quanto empio debba parere, dipendere con altri dèi da un altro Dio … quasi pianeta fra pianeti, e il suo sistema da un altro, o più altri… Si dica insomma sistema primario e non universale» concludevano. E’ superfluo aggiungere che l’astronomia non prende qui posizione e non assume responsabilità. Essa si limita ad adottare la terminologia proposta. Passiamo oltre …

Tommaso Landolfi

Riferimenti: tratto da “Nozioni di astronomia sideronebulare“, nella raccolta di racconti “Il Mare delle Blatte”, di Tommaso Landolfi. Nella fotografia uno degli omini di legno di Giovanni Canton, che ha passato la vita tra il vino rosso e il legno.

Tags | , , , , , , ,

Dio e il Partito hanno salvato Vivianne Westwood

On 14, ago 2013 | No Comments | In Blog - Editorial and publications | By Lorenzo

“Il Governo cinese mi ha chiesto di inviare ogni testo che abbia mai scritto, e sorprendentemente mi hanno approvato”, ha dichiarato John Lindon in un’intervista pochi giorni prima di arrivare a Pechino con i suoi PIL. “Sono dotati di incredibile buon gusto, oppure non hanno idea di chi hanno di fronte. Non vedo l’ora di scoprirlo”.
Read more…

Tags | , , , , , ,

Cui Jian, un pezzo di tessuto rosso

On 28, lug 2013 | No Comments | In Blog - Editorial and publications | By Lorenzo

 

Dopo averne accennato il mese scorso in questa rubrica, mi ha fatto piacere ritrovare il grande vecchio del rock cinese, Cui Jian, che ha incontrato il suo pubblico per una chiacchierata nello splendido club Capital M, affacciato sulla porta sud di piazza Tiananmen. Ventiquattro anni prima in quella stessa piazza cantava la sua canzone “Nothing to my name”, un pezzo di pura passione giovanile, l’urlo di libertà di un freewheellin‘ senz’altro che la propria individualità mentre cerca di prendere per mano i ragazzi che lo stavano ascoltando, e insomma tutta la sua Cina.

Read more…

Tags | , , , , ,

Dissero: I ritmi della musica jazz sono contrari ai bisogni psicologici di un uomo

On 28, lug 2013 | No Comments | In Blog - Editorial and publications | By Lorenzo

 

Graham Earnshaw nel 1979 era un giovanissimo giornalista Reuters appena trasferitosi a Pechino, dopo una già discreta lista di avventure in terra d’oriente seguendo la scia di altri “arrogant bastards” che lo avevano preceduto. Era l’epoca delle prime aperture che permisero, tra l’altro, ai pochissimi stranieri residenti di svagarsi in piccole discoteche all’interno degli hotel loro riservati. Prima di allora la musica contemporanea cinese non solo non conosceva nulla di quanto avveniva nel mondo, ma non aveva nemmeno mai potuto esprimere alcunché di vagamente intimo. Di pochissimi anni prima era un opuscolo degli ultimi tempi della Rivoluzione Culturale intitolato “Come distinguere la musica decadente”, che si reggeva su concetti quali “I ritmi della musica jazz sono contrari ai bisogni psicologici di un uomo”.

Read more…

Tags | , , , ,

.intro { font-size: 2em; }